Soluzioni avanzate per la digitalizzazione, l’automazione e l’efficientamento dei processi
per Aziende e Studi Professionali

Il tempo-lavoro

tempi moderni

Indice dell'articolo

Il tempo-lavoro è, banalmente, il costo orario di una persona all’interno dell’Azienda.
I dipendenti, i collaboratori esterni: tutti loro gravano, concretamente, sul bilancio dell’impresa. Ma bisogna vedere la cosa, a mio avviso, da un altro punto di vista.
Le persone non sono un costo, sono un investimento.

Come si fa fruttare un investimento

Come si fa fruttare un investimento di questo tipo?
Le risposte sono molteplici, molte delle quali attengono alla sfera del benessere delle persone.
Chi si sente apprezzato, correttamente retribuito rispetto alla mansione e occupato in attività che permettono di sviluppare competenze e potenziale è, mediamente, più felice.
Una persona felice lavora meglio.
Quando si lavora meglio si performa di più e questo si traduce in maggiore ricchezza per l’azienda, sia in termini di know-how, che di sviluppo, che di fatturato.
Il tempo-lavoro, quindi, è molto produttivo.

il santo graal del lavoro e il tempo-lavoro
…e di ogni Azienda, se si comprendesse cosa comporta in termini di sviluppo e fatturato…

Semplice no? Non proprio.

In questo post non vi parlerò di come rendere più felici i vostri dipendenti acquistando sedute più comode o mettendo aria condizionata anche nelle toilette o semplicemente concedendo lo smart working.
Voglio invitarvi ad una riflessione più profonda esaminando il rapporto che esiste tra la performance di un impiegato e i flussi di lavoro con cui è quotidianamente alle prese.

Un esempio di tempo-lavoro

Un esempio semplice per chiarire: fingiamo che la nostra “Persona”, impiegata in un normale ufficio amministrativo, debba occuparsi di gestire gli acquisti, la loro evasione da parte dei fornitori e l’iter di pagamento delle fatture passive.

L’azienda per cui “Persona” lavora ha molti fornitori, alcuni nazionali ed altri esteri e il traffico di documentazione dell’intero processo “acquisto > controllo delle forniture > pagamento” è complesso ed elevato.

“Persona”, ogni giorno, è costretta a barcamenarsi fra informazioni di diversa provenienza e genere: deve riportare i dati a mano all’interno di interfacce diverse (gestionali, fogli di calcolo), deve appuntarsi in agenda scadenze e note varie e spesso è costretta a verifiche telefoniche o via email rispetto alla conformità dei dati che le arrivano.

“Persona” è brava nel suo lavoro: ha ottime doti organizzative, una buona memoria e delle competenze che le permetterebbero di poter dare di più all’Azienda e anche a sè stessa.
Purtroppo però “ha solo due mani” e un numero limitato di ore a disposizione, così passa tutto il suo tempo ad occuparsi di un lavoro monotono e inutilmente farraginoso invece di sfruttare il suo potenziale.

tempi moderni e tempo-lavoro
Charlie Chaplin ne sa qualcosa (©Tempi Moderni – 1936)

Domanda

  • Domanda: se a “Persona” fosse offerto un lavoro più interessante, quante probabilità ci sono che decida di restare al suo posto?
    I dati post-pandemia parlano chiaro: poche. Le persone sono sempre più alla ricerca non solo di un migliore trattamento economico, ma anche di una maggiore qualità della vita sul lavoro, quindi anche di maggiore soddisfazione.
  • Domanda: se “Persona” abbandonasse il suo posto, a quanto ammonterebbe il costo della sua sostituzione? Sarebbe un costo molto elevato, perché è necessario calcolare non solo la RAL, ma una serie di competenze “incalcolabili”: la conoscenza delle dinamiche interne, dei fornitori, dello storico delle operazioni… sono tutte caratteristiche che per essere acquisite da una nuova persona richiederebbero mesi se non anni, quindi moltissimo tempo-lavoro. Ammesso di trovare qualcuno in grado di farlo.
  • Domanda: quanto è conveniente, per un’Azienda, permettere che il capitale economico rappresentato da “Persona” vada in fumo?

Giusto per citare una mansione non solo a basso impatto, ma anche degradante… (Il secondo tragico Fantozzi© – 1976)

Riflessione

Una riflessione a questo punto è doverosa.
Siamo davvero sicuri di calcolare correttamente il tempo-lavoro?

Probabilmente no: la forbice di valore che c’è fra “quello che Persona fa” e “quello che Persona potrebbe fare” è molto più ampia di quanto appaia e questo si traduce inevitabilmente in uno sbilanciamento a favore di un alto investimento a fronte di un basso riscontro.

In altri termini: se Persona impiega 8 ore, ogni giorno, per svolgere compiti a basso impatto invece che ad alto rendimento, è come pagare per avere un aereo per poi andare dall’altra parte del mondo a dorso di mulo. Non è affatto efficiente. Ed è anche antieconomico.

Come intervenire sul tempo-lavoro

Come intervenire per far sì che il tempo-lavoro sia un buon investimento?
Con l’ottimizzazione dei flussi ora possibile grazie all’informatica.

Digitalizzare quanto più possibile i flussi libera moltissimo tempo-lavoro che si può impiegare per ottenere maggiori risultati nel business. Lo dicono i fatti.

Se volete sapere come la digitalizzazione può rendere molto più profittevole, concretamente, l’investimento sulle persone, non avete che da chiamarci!


Elena Iseni
Resp. Mkt Nubys

CONDIVIDI L'ARTICOLO

chi ha tempo non aspetti tempo!

Ti si è accesa una lampadina?

Cogli ADESSO l’opportunità di MIGLIORARE IL RENDIMENTO del tuo business!

Chiamaci senza impegno allo 02 500 470 80 o scrivici al nostro indiririzzo web@nubys.it :
saremo lieti di ripondere a tutte le tue domande!

Altro dal BLOG

on-boarding
Articoli

On-boarding: chi ben comincia…

Settembre è un sempre un momento di fermento dopo l’estate e iniziare un nuovo percorso all’interno di un’Azienda è sempre un’esperienza emozionante: nuovi spazi, nuove persone, nuove procedure, nuove dinamiche…

Leggi l'articolo »
Le 12 fatiche di Asterix
Articoli

Le 12 fatiche del business

Nel posto dove lavorate (vostro o no non fa differenza) quanto tempo si perde per reperire certi dati o per pianificare un’attività? Quante volte vi è capitato di bloccare un progetto perché “manca qualcosa” che non sarebbe dovuto mancare? Quante volte vi siete dovuti arrangiare rappezzando flussi di lavoro inconcludenti? Quante volte avete preso decisioni sbagliate perché non sapevate proprio tutto quello che c’era da sapere?

Leggi l'articolo »
Translate »

Scarica la brochure sull'analisi preliminare

Grazie! Clicca sul pulsante per iniziare il download (PDF, 346 KB)

Scarica l'e-book

Grazie! Clicca sul pulsante per iniziare il download (PDF, 795 KB)