Soluzioni avanzate per la digitalizzazione, l’automazione e l’efficientamento dei processi
per Aziende e Studi Professionali

Industria 4.0: un po’ di storia

industria 4.0

Indice dell'articolo

Che cosa si intende per Industria 4.0?
Un altro modo per dirlo, forse più semplice, è Quarta Rivoluzione Industriale.
Avendo questa a che fare con l’informatica, si è trovato questo modo molto “informatico” di dirlo, ma stiamo parlando della stessa cosa. Terminologia usata anche per intendere i bonus offerti dallo Stato per incentivare la transizione digitale, ma ricordiamo che, di base, è un concetto ben più ampio.

Un po’ di storia

Ne abbiamo fatta, di strada… (immagine: web)

Sappiamo che a partire dalla seconda metà del diciottesimo secolo si sono succedute tre rivoluzioni industriali, per merito dai progressi in ambito di sviluppo tecnologico.

  1. Rivoluzione Industriale del XVIII secolo (1750-1850): la prima rivoluzione industriale si è concentrata sulla meccanizzazione dell’industria tessile e dell’agricoltura. L’energia idraulica e del vento è stata sostituita dalla macchina a vapore, che ha permesso di aumentare la produzione di beni. La prima fabbrica tessile meccanizzata è stata aperta in Inghilterra nel 1764.
  2. Rivoluzione Industriale del XIX secolo (1850-1900): la seconda rivoluzione industriale è stata caratterizzata dalla diffusione delle ferrovie, che hanno permesso di trasportare merci e persone a basso costo su lunghe distanze. Inoltre, si è assistito allo sviluppo di nuove tecnologie, come il telegrafo e il telefono, che hanno migliorato le comunicazioni. Il petrolio è diventato una fonte di energia importante, mentre la produzione di acciaio è stata migliorata attraverso l’uso del processo Bessemer.
  3. Rivoluzione Industriale del XX secolo (1900-1950): la terza rivoluzione industriale è stata caratterizzata dallo sviluppo della produzione in massa e dalla catena di montaggio. La produzione di energia elettrica ha reso possibile l’uso di nuove tecnologie, come i motori elettrici e l’illuminazione a incandescenza. La prima automobile di massa è stata prodotta da Henry Ford negli Stati Uniti nel 1908.

La nascita di Industria 4.0

A partire dagli anni ’70 del 1900 il mondo ha visto nascere, per via dell’invenzione dell’informatica, la quarta. Il processo per cui entrasse effettivamente a regime è durato almeno 3 decenni. A fianco dell’innovazione del calcolo computazionale si è dovuto attendere che anche le telco fossero all’altezza delle nuove sfide.

Dall’invenzione di Arpanet del 1969 si è dovuto attendere fino al 1980 per l’introduzione dei procolli TCP e IP che hanno gettato le basi di Internet come lo conosciamo (qui un articolo sulla storia di Internet).
Ma bisogna arrivare al 1991 per l’HHTP (HyperText Transfer Protocol) che ha permesso lo sviluppo dei siti web odierni. Comunque, è solo dalla metà degli anni ’90 che si è assistito al vero boom, con miliardi di apparati e persone connesse alla rete. Lo sviluppo delle telco è andato di conseguenza.

Commodore PET2001 – anno 1977 (foto: web)

La quarta rivoluzione industriale è un concetto che si riferisce alla digitalizzazione dell’economia globale e alla convergenza di tecnologie avanzate. Tecnologie come l’Intelligenza Artificiale, l’IoT, la robotica, la realtà virtuale e aumentata, la stampa 3D e l’automazione avanzata. Queste stanno trasformando radicalmente tutti i settori, aprendo nuove opportunità e sfide per le imprese, i lavoratori e le società in generale.

In questa nuova era digitale, le aziende possono creare prodotti personalizzati e servizi su misura per le esigenze dei clienti, sfruttando l’analisi dei dati per migliorare la loro efficienza e la produttività. L’automazione avanzata sta eliminando molte attività ripetitive e pericolose per i lavoratori, consentendo loro di concentrarsi su compiti di maggior valore aggiunto e creatività. Inoltre, l’IoT sta permettendo alle aziende di monitorare le attività in tempo reale, migliorando la trasparenza e la gestione del ciclo di vita dei prodotti.

Sfide ed opportunità di industria 4.0

La quarta rivoluzione industriale sta anche creando nuove sfide, come la disoccupazione tecnologica e la necessità di riconvertire i lavoratori in settori in rapida evoluzione. Inoltre, la privacy dei dati è diventata una preoccupazione sempre più grande, poiché la raccolta e l’analisi dei dati sono diventate un pilastro fondamentale dell’economia digitale.

Tuttavia, la quarta rivoluzione industriale offre anche nuove opportunità per affrontare le sfide globali come il cambiamento climatico, la scarsità di risorse e la sicurezza alimentare. La stampa 3D, ad esempio, potrebbe rivoluzionare la produzione di prodotti ecologici, riducendo i costi di trasporto e aumentando la sostenibilità.

Come sfruttare queste opportunità?

Per capitalizzare pienamente le opportunità offerte dalla quarta rivoluzione industriale, le imprese devono investire in tecnologie avanzate, acquisire competenze digitali e sviluppare nuovi modelli di business.

In conclusione

In conclusione, la quarta rivoluzione industriale sta trasformando radicalmente l’economia globale, offrendo nuove opportunità e sfide per le imprese, i lavoratori e le società in generale.

Vuoi affrontare queste sfide con un partner affidabile?
Contattaci!


Elena Iseni
Mkt & Comm Nubys

CONDIVIDI L'ARTICOLO

chi ha tempo non aspetti tempo!

Ti si è accesa una lampadina?

Cogli ADESSO l’opportunità di MIGLIORARE IL RENDIMENTO del tuo business!

Chiamaci senza impegno allo 02 500 470 80 o scrivici al nostro indiririzzo web@nubys.it :
saremo lieti di ripondere a tutte le tue domande!

Altro dal BLOG

Le 12 fatiche di Asterix
Articoli

Le 12 fatiche del business

Nel posto dove lavorate (vostro o no non fa differenza) quanto tempo si perde per reperire certi dati o per pianificare un’attività? Quante volte vi è capitato di bloccare un progetto perché “manca qualcosa” che non sarebbe dovuto mancare? Quante volte vi siete dovuti arrangiare rappezzando flussi di lavoro inconcludenti? Quante volte avete preso decisioni sbagliate perché non sapevate proprio tutto quello che c’era da sapere?

Leggi l'articolo »
Translate »

Scarica la brochure sull'analisi preliminare

Grazie! Clicca sul pulsante per iniziare il download (PDF, 346 KB)

Scarica l'e-book

Grazie! Clicca sul pulsante per iniziare il download (PDF, 795 KB)